Femminizzati E Autofiorenti delle ultime generazioni

 Ognuno di noi ha sentito parlare almeno una volta di semine buone e semine cattive nell’impresa agricola, e come nell’impresa agricola, anche qua valgono le stesse regole. Ci sono semi buoni e semi cattivi. Alcuni coltivatori lasciano crescere le piante di semi autofiorenti migliori maschio e quelle femmina separatamente fino a raggiungere la maturità e poi le mettono insieme, in modo da essere sicuri che entrambi i sessi delle piante di marijuana siano completamente sviluppati e alla massima potenza. Le piante generate da questo tipo di semi di marijuana inizieranno a vivere in modo perfetto.

Ci sono alcuni casi in cui le piante di marijuana femmina sono fecondate accidentalmente, soprattutto quando la marijuana è prodotta per la consumazione. Spesso i semi di questo tipo si possono trovare nella marijuana che si acquista; questi semi di marijuana non sono completamente sviluppati, sono piccoli, molto duri e verdi. Tutto dipende dalla tecnica di produzione, dato che una pianta morente non si trova nelle sue condizioni migliori per quanto riguarda il contenuto in principi attivi. Infatti, le piante di marijuana si mietono solitamente in anticipo se si vogliono ottenere raccolti migliori e una migliore concentrazione di principi attivi.

I semi di marijuana semi.

Potare una pianta, nel senso di cimarla tagliando il fusto, non può aumentare la potenza dei fiori, può soltanto cambiarne la configurazione; nelle piante cimate di solito si hanno cime laterali più grandi e cime superiori più piccole, mentre in una pianta normale la cima centrale superiore è la più grande. Un seme non geneticamente potente non potrà produrre erba potente neanche con le migliori caratteristiche ambientali.

Risultato: la pianta in ambiente secco ha prodotto molta più resina di quella in ambiente umido; ne ho dedotto che, in assenza di nemici naturali come gli insetti, la Cannabis sviluppa la resina per difendersi dal calore ed evitare la perdita di liquidi. Sono stato per diversi mesi in Afghanistan, dove ho vissuto a contatto con le popolazioni del nord del paese che coltivano la Cannabis Ruderalis da millenni, essendo originaria di quelle zone. Forse la mia esperienza può far luce sulla Cannabis Ruderalis, di cui quasi nessuno sa nulla.

Sfortunatamente le varietà equatoriali di Sativa non avranno un gran futuro commerciale perché i coltivatori hanno scoperto che l’Indica e le varietà miste producono di più e più in fretta, e la tendenza generale del mercato degli ultimi anni ha visto un boom della richiesta e del consumo di Indica, che è divenuta un vero e proprio mito. È proprio a causa di queste differenze climatiche che l’Indica ha sviluppato un patrimonio genetico molto vario, creando piante robuste ed adattabili, in modo da poter affrontare qualunque tipo di annata climatica. La Cannabis Indica è una pianta abbastanza bassa (150-220 cm.), con foglie corte, tozze e di un verde molto intenso, che sconfina nel rossastro nel violaceo (Alla completa maturità sessuale le foglie diventano spesso completamente violacee).

Viene utilizzata soprattutto per produrre semi, fibra, per incroci con altre varietà volti a creare nuove specie con grande robustezza e adattabilità. La Cannabis realmente selvatica è molto rara, e se ne ha un esempio nel Midwest degli U.S.A., dove fu introdotta negli anni ’40 per la produzione di fibre e dove sopravvive ancora oggi selvatica, essendosi perfettamente adattata all’ambiente. Oggigiorno tutta la Cannabis che esiste ha ( ha avuto) a che fare con l’uomo.

E la regola base è che le piante originarie delle zone equatoriali hanno bisogno, per fiorire, di almeno 12 ore di buio ininterrotto; le piante originarie delle zone vicine al 30° parallelo, invece, fioriranno con 8-9 ore di buio ininterrotto; tutte le altre comprese nel mezzo si comporteranno in proporzione. Se invece si trapianta più avanti, in primavera inoltrata, bisognerebbe dare alle piante un periodo di adattamento di 7-10 giorni, tenendole per questo periodo in ombra a mezzo sole. Le piante sono femmine ed è tutto normale: alcune varietà di Cannabis hanno questa cosiddetta prefioritura molto presto, addirittura al terzo quarto internodo.

Non si deve usare un materiale scuro, il ramo morirà per il troppo calore; l’ideale è utilizzare un sacchetto di carta spessa ma non plastificata, in modo da far traspirare l’umidità. I fiori femminili hanno tanti pelucchi bianchi (pistilli) che sporgono, pronti a raccattare il polline del maschio per produrre i semi e continuare la specie.